Informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali. Questo sito e/o gli strumenti terzi utilizzati, possono avvalersi di cookie per migliorare la navigazione e la fornitura dei servizi offerti. Cliccando sul tasto "CHIUDI" comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare su "INFO".

LA NOSTRA STORIA

Un’opportunità per vivere con più consapevolezza la Settimana Santa.

Correva l’anno 1993, quando Padre Clemente Totaro, guardiano del Convento dei Frati Cappuccini di Sant’Elia a Pianisi, propose ad alcuni giovani del posto di realizzare una Rappresentazione della Passione e Morte di Gesù, prendendo spunto dal film “Gesù di Nazareth” di Franco Zeffirelli. Con grande entusiasmo furono in molti a condividere questa iniziativa e a ciascuno fu assegnato un ruolo: dalla comparsa all’attore principale o semplicemente come aiuto nell’organizzazione.

La rappresentazione fu strutturata in questo modo: innanzitutto di fondamentale importanza fu la scelta dei luoghi del paese nei quali allestire le scene; ogni zona doveva permettere al pubblico di accedere facilmente e al tempo stesso lasciar loro la giusta immedesimazione dovuta ad una suggestiva ambientazione scenografica. Fu così che, nella settimana antecedente alla rappresentazione, vari gruppi di collaboratori  si apprestavano a riprodurre le scene assegnate: a partire dall’Ultima Cena, seguiva l’Orto del Getsemani, il Sinedrio, il Pretorio, e il Golgota. 

Altro punto importante era  la preparazione per tutti i protagonisti mediante un percorso spirituale  grazie al  quale riuscivano a calarsi interamente nel personaggio che avrebbero interpretato. Fu così che il 29 Marzo 1994 fu rappresentata per la prima volta la  Passione Vivente a Sant’Elia a Pianisi. L’anno successivo, però, Padre Clemente ebbe il trasferimento al Convento di Isernia e quindi a prendere in mano la situazione fu Samuele Colavita, il quale decise di portare avanti l’iniziativa. Pochi furono i  cambiamenti che essa subì: come prima cosa l’introduzione di tre scene importanti quali l’Incontro con Maria, Sua madre; l’aiuto a Gesù da parte del Cireneo e l’incontro con la Veronica, la donna che asciugò il Suo volto. Successivamente poi modificò anche l’audio che accompagnava le scene.

Grazie all’aiuto di fr. Aldo Broccato e di Aldo Gioia (attore e regista Molisano), voce narrante, Samuele portò alcuni degli attori  nella sala registrazione dei Frati Cappuccini a Campobasso per registrare da capo tutti i dialoghi tratti dal film.  Da allora, anno dopo anno, la Passione Vivente andò sempre migliorando. Fu onorata della presenza e del grande impegno di Samuele fino al 2012, l’anno della sua scomparsa. A prendere le redini della situazione e soprattutto dell’Associazione Culturale Crucis, che Samuele aveva fondato nel 2000, fu Alessandro Iamartino e  altri sei collaboratori giovani e volenterosi capaci di far  riscoprire quel lato religioso e artistico  del popolo santeliano. 

Da 25 anni, Sant’Elia a Pianisi offre un’intensa occasione di meditazione sul mistero della Passione e Morte di Cristo.

Pensato inizialmente come una Via Crucis vivente, questo appuntamento col tempo ha raggiunto la portata di una vera e propria manifestazione di grande interesse, superando i confini della piccola realtà locale e diventando la prima Passione Vivente del Molise.

La rappresentazione sacra vede tutto il paese protagonista, che s’impegna a curare ogni sosta nei particolari per renderla, in tal modo, fortemente evocativa.

Un percorso fisico, umano e spirituale, che offre come sempre la dimensione ideale per prepararsi in modo profondo alla Pasqua del Signore.

 

Associazione CRUCIS | mail: associazione.crucis@virgilio.it | mobile: 320.7214143

Monday the 22nd. Commission Junction Review. | {AUTHOR_TAG} | {THEMESBASE_TAG} La Passione di Cristo, Associazione Crucis - Sant'Elia a Pianisi